next up previous contents
Next: Un programma, diversi stili Up: Cosa vi serve per Previous: Un po' di storia.   Contents

Rock'n Roll e solo testo: vi.

Uno standard di fatto è il programma vi. Se non c'è proprio vi in persona (che è protetto da astrusi copyright) troverete almeno il suo clone: il grande elvis (che comunque potrete invocare sempre come vi dalla riga di comando), oppure altri cloni come vim (vi improved).

Se utilizzate, ad esempio, una distribuzione Slackware provate ad eseguire i comandi




width


$ vi prova


width

Digitate :q per uscire.




width


$ elvis prova


width

Fate lo stesso per uscire.




width


$ vim prova


width

Digitate ancora :q per uscire!

Sorpresi? Dovete sapere che tutte le volte che invocate il comando vi, in realtà, non fate altro che chiamare elvis, vim o un altro clone. Questi cloni, oltre che implementare tutti i comandi tipici di vi, ne aggiungono di altri, insieme a modalità aggiuntive e feature varie.

vi non è esattamente uno di quei programmi amichevoli come li intendiamo oggi, anche se il suo uso è molto più semplice rispetto a ed.

Il modo più comodo è di lanciarlo specificando il file da editare direttamente sulla riga di comando (questo metodo funziona per qualsiasi altro editor e diamo per scontato che d'ora in avanti farete sempre così).

Ad esempio per editare il file ``appunti'', invieremo il comando:




width


$ vi appunti


width

Se il file appunti non esiste, vi ve lo comunicherà attraverso l'ultima riga in basso dello schermo. All'inizio di ogni riga visibile sul monitor andrà a piazzare una per dirvi che la riga è vuota. Se invece il vostro appunti contiene già qualcosa, vi in basso vi informerà su quanti caratteri e quante righe compongono il testo. Il contenuto del file sarà visualizzato piazzando l'inizio sulla prima riga dello schermo. Se tutto il file è più corto dello schermo stesso, le righe mancanti verranno anchesse visualizzate con una all'inizio.

Adesso vi è pronto ad accettare i vostri comandi. Se volete inserire del testo, dovete prima portare il cursore dove intendete iniziare a scrivere e battere la i. A questo punto potete cominciare.



Subsections
next up previous contents
Next: Un programma, diversi stili Up: Cosa vi serve per Previous: Un po' di storia.   Contents
angelo 2003-02-09