next up previous contents
Next: Scegliere dei bei nomi Up: Le operazioni con i Previous: Cominciamo... quali file abbiamo?   Contents

Copiare i file (cp)

È possibile fare dei duplicati esatti dei file che possediamo: copiarli. Per copiare un file si usa il programma cp, il cui nome deriva direttamente, come facile immaginare, dalla parola inglese copy. Copy, o, cp che dir si voglia funziona così:




width


$ cp file_da_copiare nome_della_copia


width

oppure, per i più smaliziati sarà più comprensibile la forma:




width


$ cp file_sorgente file_destinazione


width

Se per esempio ora noi volessimo fare una copia del file contente il testo del primo Canto della Divina Commedia, noi, dovremmo scrivere qualcosa del tipo:




width


quest@medialab:$ cp primo_canto.dv canto


width

Abbiamo così copiato il nostro primo file, ma che cosa succede se per caso esiste già un file che si chiama canto? Unix lo cancella sostituendolo con la copia di primo_canto_dv. È una bellissima e grandissima idea prima di fare operazioni di questo tipo controllare con un ls che non esista già un file con il nuovo nome che abbiamo scelto. Nella recenti versioni di Unix a cp si può chiedere di avvisarci se per caso esiste già un file con il nuovo nome che abbiamo scelto, questo si ottiene con l'opzione -i. Provatela:




width


quest@medialab:$ cp -i primo_canto.dv canto 
cp: overwrite `canto`?


width


next up previous contents
Next: Scegliere dei bei nomi Up: Le operazioni con i Previous: Cominciamo... quali file abbiamo?   Contents
angelo 2003-02-09