Processo a Stampa pei Furti di S. Agata
Vol. I.--Ferculo / Parte I.--Interrogatori


Lettera al Regio Procuratore Agnini
(fog. 368 Vol. 1.-- 30 Marzo 1891)

  Ill.mo Sig. Regio Procuratore Generale.
  La presente ha lo scopo d'illuminare la Giustizia.
  Si vede chiaramente che l'accusa lanciata contro il signor Riela Carmelo, è una pura calunnia generata dalla vendetta.
  Le persone tutte che conoscono il sig. Riela sono concordi nel dirlo.
  Il sig. Riela ha un nemico mortale in persona dell'Avv. del Comune di Catania, sig. Boccadifuoco, lo si rileva chiaramente dal giudizio che pende in Corte d'Appello, tra il sig. Riela e il Comune di Catania, nel quale giudizio il sig. Boccadifuoco ha falsificato un atto che doveva interrompere la perenzione della sentenza emessa dal Tribunale di Commercio contro il comune di Catania.
  Ora siccome che l'accusa è lanciata dal Nicotra detenuto in carcere per il furto della bara, si sa pure che il padre di cotesto Nicotra è amico intimo del suddetto avv. Boccadifuoco, come pure che la famiglia del detto Nicotra abita vicino la mantenuta Anna Reitano, del detto Avv. Boccadifuoco, quindi delle probabili relazioni tra costei e la famiglia del Nicotra.
  Senza lanciare una accusa certa e sicura, chiunque sapendo queste amicizie e l'inimicizia dell'avv. Boccadifuoco contro il Riela, chiunque ripeto, suppone che lo accusatore sia corrotto dal suddetto Boccadifuoco, il quale sull'orlo dell'abisso, dove sta per sprofondare, mediante l'atto falsificato da lui, vuol trascinare seco il sig. Riela, e non potendo far altro, gli fa lanciare da un suo addetto un'accusa tanto terribile ed infame.
  Una prova chiara e lampante -- L'arresto del sig. Riela generato dall'accusa, la vigilia appunto che dovevasi discutere la causa in Corte d'Appello, la quale doveva pronunziare la falsità dell'atto falsificato dal sig. Boccadifuoco.
  Ma la Giustizia non si può facilmente ingannare e presto la luce sarà fatta.
  L'Ill.mo sig. Procuratore Generale, può facilmente informarsi della verità delle cose e della moralità ed onestà del sig. Riela, col ritirarsi dalla Cancelleria della Corte, non solo il processo riguardante la causa a discutersi, ma anche il fascicolo di certificati di moralità aggregato al processo.

Quest'edizione digitale preparata da Martin Guy <martinwguy@gmail.com>
Ultima revisione: 28 dicembre 2005.