Processo a Stampa pei Furti di S. Agata
Vol. I.--Ferculo / Parte II.--Esami testimoniali


Nicotra Pietro
(Fol. 108. vol. 2°--12 maggio 1891)

  D. R. Non ho nulla da aggiungere a quanto precedentemente dichiarai alla giustizia, intorno al furto degli ostensori della Cattedrale.
  Io la notte in cui il furto avvenne, dormiva profondamente e non intesi nulla.
  La mattina, padre Di Maggio diceva, che gli mancavano denari e quando disse a Torrisi, di prendere le chiavi, costui rispose che non vi erano.
  Scendemmo tutti giù in sagrestia, dove si trovavano le porte aperte, e mentre osservavamo per vedere se vi mancasse qualche cosa, ad un tratto [...] il Torrisi, annunziando che gli ostensori
  [...]
  [La no]tte in cui fu commesso il tentativo
  [di furto al tes]oro di S. Agata, io dormivo insie-
  [me agli altr]i sagristani ed a Concetto Torrisi, il
  [quale, ver]so le tre a. m., si svegliò, annunziandoci
  [che fosse que]l giorno suo onomastico, e che si doveva-
  [no lavar]e i piatti rimasti sporchi la sera precedente.
  [Fu] perciò, che ci alzammo e ci mettemmo a rom-
  [pere la] legna per accendere il fuoco.
  Terminata poi la lavatura dei piatti, scendemmo in Chiesa, ove ci accorgemmo del tentativo che era stato commesso, e trovammo scassinata la porta in vicinanza dell'altare di S. Giorgio.
  D. R. Non mi accorsi se il Torrisi, avesse particolare amicizia con qualche sagrista o con qualche prete di quelli della Cattedrale.
  Posso dire soltanto, che egli era in relazioni strette col custode della Cattedrale Francesco Maccarone, con cui lo vedemmo moltissime fiate discorrere.

Quest'edizione digitale preparata da Martin Guy <martinwguy@gmail.com>
Ultima revisione: 28 dicembre 2005.