Processo a Stampa pei Furti di S. Agata
Vol. I.--Ferculo / Parte II.--Esami testimoniali


Marino Paolo
(Fog. 19. Vol. 2.--29 gennaio 1891).

  D. R. Otto o nove giorni fa, una notte all'ora in cui nel Seminario sogliamo andare a letto, vale a dire verso le nove e mezzo, trovandomi ad andare a luogo comodo per un bisogno corporale passando dinanzi una finestra dalla quale si vedono dirimpetto le grandi finestre della navata centrale della cattedrale, vidi dietro una delle dette finestre un uomo con un lume in mano in atto di sollevare un lembo della cortina che ricopriva la indicata finestra dietro cui trovavasi.
  A quella vista mi atterrii: gettai un grido e corsi in mezzo ai miei compagni, ai quali narrai quel che aveva veduto.
  D. R. La finestra dietro cui vidi quell'uomo, era la prima contando dalla destra di chi entra in chiesa dalla porta maggiore.
  D. R. Dal punto donde io guardavo e nel modo in cui quell'uomo dovea trovarsi, io non potevo vedere che la testa di lui.
  D. R. Non posso precisare la notte in cui il fatto avvenne, non fu certo una di quelle in cui avvennero le ultime grandi piogge.

Quest'edizione digitale preparata da Martin Guy <martinwguy@gmail.com>
Ultima revisione: 28 dicembre 2005.