Processo a Stampa pei Furti di S. Agata
Vol. I.--Ferculo / Parte II.--Esami testimoniali


La Gala Andrea
(Fol. 53, vol. 2°--13 febbraio 1891).

  D. R. Mi trovo segretario in questa amministrazione da pił di due anni, essendovi entrato, a quanto ricordo, nel settembre 1888. Al mio entrare nell'ufficio trovai, come contabile il signor Giuseppe Nicotra, al quale qualche volta nel discorrere avevo inteso dire che aveva una zia agiata e proprietaria di alquante case. Ricordo che nello scorso dicembre un giorno facendo il controllo di cassa, mi venne sott'occhio la bolletta madre di N. 48, nella quale parlavasi di un versamento libero e fruttifero al cinque per cento, nell'interesse di certa Maria Nicolosi Nicotra. Spinto dalla curiositą, domandai allo stesso contabile signor Nicotra a chi appartenesse quel deposito, ed egli mi rispose che trattavasi di un versamento fatto da lui stesso nell'interesse della zia sua agiata, della quale altre volte avea parlato. Soggiunse anzi che nell'interesse della stessa egli dovea fare un altro versamento, che difatti egli fece alcuni giorni dopo, come risulta dalla bolletta N. 76. I due versamenti formavano in tutto la somma di L. 2000, come ben risulta dai registri dell'amministrazione, e specialmente dal libro giornale, dove la Nicolosi, come ho fatto vedere alla S. V., figura tuttavia creditrice dell'indicata somma.

Quest'edizione digitale preparata da Martin Guy <martinwguy@gmail.com>
Ultima revisione: 28 dicembre 2005.