Scrittura e littura di lu sicilianu

di Giuvanni Meli

tratto da
PUISII di l'abbati MELI,
edizione curata di Eduardu Alfanu,
In Palermu, Giuseppe Piazza, Edituri, 1914

Lu sicilianu si leggi quasi comu si trova scrittu, e viciversa si scrivi quasi comu si prununzia. Dicu quasi pirchì ci sunnu picculissimi ossirvazioni di fari, e sunnu li siguenti:

Li munusillabi, ciuè li paroli di una sula sillaba, chi hannu la c e la n si pronunzianu forti, furtissimi, comu si ci fussiru dui c o dui n; pri cunsiguenza si scrivi ci e si leggi forti radduppiannu, cci; si scrivi ni e si leggi nni; si scrivi chiù e si leggi cchiù, ecc.

Quannu sintiti chi unu leggi duci duci ci o ni o chiù, senza 'nfurzari li cunzunanti, chissu è signu chi 'un sapi leggiri e che bisogna 'nzignarisi. È comu un 'gnuranti chi voli leggiri lu 'ngrisi e lu francisi e nun canusci li reguli di la pronunzia.

Pri leggiri bonu si àvi a tiniri prisenti 'n-autri dui cosi. La prima chi multi paroli sunnu sminzati 'ntra lu principiu e pri cunsiguenza portanu 'n-apostrufu: chissi paroli bisogna liggirli cu 'na certa aspirazioni, osia facennu cuminciari a nesciri quasi di dintra la gula lu sonu di li lettiri; comu, 'na chi vali una (per esempiu: 'na seggia, 'na vota); 'un chi vali nun ( per esempiu: 'un diri, 'un ti lu dissi, sta cosa 'un la fari); 'ntra chi vali intra (per esempiu: 'ntra di nui, iddu vinni 'ntra lu mari).

La secunna chi spissu dui munusillabi si legginu comu si fussiru unica parola, junciuti; e chisti quasi tutti sunnu li siguenti: mi ni chi si pronunzia minni (per esempiu: mi ni vaju); ti ni chi si leggi tinni (per esempiu: ti ni dugnu); ni ni chi si leggi ninni (per esempiu: ni ni jamu); si ci chi si leggi sicci (per esempiu: si ci dissi); chi 'un si ponnu scriviri jiunciuti comu si pronunzianu pirchì comu si vidi, scrivennuli jiunciuti, si po pigghiari sbagghiu specialmenti di li furastieri, ultra chi nun è currettu scriviri funnennu in unica parola dui paroli diversi. Comu é chiaru, scrivennu jiunciuti li priditti munusillabi, nui purriamu capiri li minni pri addattari, tinni di lu verbu teniri, ninni li dinari, sicci li mulluschi di lu mari.

Lu sicilianu àvi multa facilità e tenni spessu a funniri 'nzemmula vari paroli, come 'ntra lu tidiscu, e pi risolviri chissa difficultati lu rimediu è uno; usari lu picculu trattinu di unioni, accussì: 'n-pettu, 'n-gamma, attossica-mariti, attizza-liti, non-so-chi, 'mpastura-vacchi, etc.

In ultimu è di fari ossirvari chi li pronomi e li aggettivi pri lu chiù si scrivinu e si pronunzianu abbriviati: chiddu - ddu o dd' (per es. ddu picciriddu, dd'omu); chistu - stu o st' (per es.: stu vecchiu, st'animulu); chissu - ssu o ss' (per es.: ssu vancu, ss'armalu); chista - sta o st' (per es.: sta seggia, st'aquila); chissa - ssa o ss' (per es. ssa strata, ss'acqua).

Si scrivi e si pronunzia quasi sempri muzza la parola sugnu e la parola sunnu, ciuè si scrivi su'.

Li monosillabi 'un portanu accentu salvu chi nun s'avissiru a cunfunniri pri lu significatu; accussì dda pronomi e ddà avverbiu di locu; e di cunsiguenza cca 'un occurri di l'accentu.

'N'autra e n'-autru 'un si scrivi comu s'à fattu sin'ora iunciuti, ciuè nautra e nautru, pirchì su' dui paroli, una autra e un autru.


Quest'edizione digitale preparata da Martin Guy <martinwguy@gmail.com>
Prima edizione digitale, 6 novembre 2001.
Ultima revisione: 28 dicembre 2005.