TEATRO DIALETTALE NAPOLETANO

ANTONIO PETITO


Tre surice dint' a no mastrillo

Con Pulcinella nfra li surice lo chhiù ncorreggibile, tormentato da duje nnammurate a da nu surdo


(Farsa in un atto)

CASTIGAT
RIDENDO
MORES

NAPOLI
Edizioni BIDERI S. p. A.
San Pietro a Majella, 17


PERSONAGGI
D. ALONZO PERIPETROS
ROCCO, padre di
MARCELLINA
DIESCO, sordo
D. EUGENIO
PULCINELLA
PANGRAZIO
UNA COMPARSA

La scena è a piacere.


ATTO UNICO.


SCENA I.

MARCELLINA stirando, indi EUGENIO

Marc.
Eugenio non se vede ancora! Va trova che sarrà succiesso. L'ora soja è stata sempe chesta, e mo?... Ah! ca me pare mill'anne d'esserle mogliera.
Eug.
Marcelina de stu core comme staje?
Marc.
E non lo bide? comm' a gallo a duje piede...? Pecché si benuto accussì tarde?
Eug.
È stato, Marcellina mia, ca aggia avuto da capacità lo gnore a darme lu consenzo.
Marc.
E che t'ha ditto?
Eug.
È contento; e mò nce lo so benuto a dicere a pateto, che subbete che sta commoto jammo addò lo Notaro pe le carte.
Marc.
Ah, bene mio, che tanto de la priezza, non nce sto cchiù dint' a li panne!...
Eug.
Considere chi te sente!
Marc.
E na vota ch'è chesto jammuncello a dicere, isse stà miezo 'o llargo, e bedimmo quante cchiù priesto po menà sta varca a puorte.
Eug.
I' pe me conte li minute, a sarraggio l'ommo lo cchiù cuntente de sta terra, da chillo momente che me sarreje mugliera (entrano).

SCENA II.

PULCINELLA solo.

Pulc.
Stona cchiù la capa dell'ommo na femmena, che nu quartarulo de vino de Pozzuole. Ah, Marcellina, Marcellina; tu cumm' a Marciello m' aje puosto dinto a la carriola, e nchiajato, nfestoluto me staje carrianno attuorno a la chiazza de li bellizze tuoje! Ma aggio penzato de mannarle na lettera... Na lettera?... E chi m' 'a scrive?... Oh, tè, tè! Da sta via se ne vene D. Alonzo lo scrivano de lo carcere. Mo me la faccio da isso lesto lesto e nce la porto.

SCENA III.

D. ALONZO, e detto.

Alon.
Che sia maledetta Marcellina ed il momento che l'ho veduta! Per lei ho perduto il mio spirito, il mio brio, la mia disinvoltura e, quello che è peggio, non ho nemmeno il coraggio di dirle che l'amo.
Pulc.
'O schiavo vuosto, si' Fonzo!
Alon.
Addio, Pulcinella. Cos'è? Ti vedo un poco turbato!
Pulc.
Turbato sicuro. Quanno n' ommo è nnammorato, no pò maie sta allere a stu munno.
Alon.
Dici pur vero. Un uomo che ama è peggio di un condannato a morte. Figurati che io, prima di essere innamorato, era il godimento di tutte le conversazioni. Spassi, giuochi, allegria, ballo, canto, scherma, pranzi, cene, digiunè, divertimenti, sollazzi ed ora, all'opposto, fastidioso, malinconico, torbido, accigliato, lagrimevole, concentrato, furente, pazzo del tutto. Le donne, amico mio, le donne son quelle che entrano per gli occhi, si impossessano del cuore e dànno una terribile sconfitta al cervello dell'uomo.
Pulc.
(fra sé: Bonanotte! Si accummencia a parlà chisto, non la và appriesso manco no corricolo). Vuje me farrisseve no piacere?
Alon.
Piacere?! Che termini vai usando! Questa è la più perfetta società del mondo, impegnarsi l'uno in vantaggio dell'altro. Io per me chiamo satiri, misantropi, quelli che negano e non si prestano.
Pulc.
(fre sé: Appila, appila, pe carità!). Si' Fonzo mio caro, si me vuò favorì, m'avisse da sbrigà subeto.
Alon.
Subito, già s'intende; la lunghezza fu sempre noiosa: brevi e concisi furono tutti i greci scrittori.
Pulc.
E ferniscela a bonora. Nun te sia pe cumanno, vorrìa che me facisse na lettera pe la nnammurata mia. Io ancora non me so' spiegato, e la vurrìa dicere ca moro pe essa.
Alon.
Bravo, bravo! Quello che, con una lettera, non può certamente spiegarsi a voce...
Pulc.
Parla poco, puozz' essere acciso.
Alon.
Mezza parola. Hai chi ti porta questa lettera?
Pulc.
Nce la porto io stesso. Lo pozzo trovà meglio?
Alon.
Bravo! Chi striglia il suo cavallo non può chiamarsi mozzo di stalla; chi si fida di se stesso non può essere tradito; chi...
Pulc.
E la meza parola addò è gghiuta? Si me vuò spiccià lesto lesto, bene, si nò mo te lasso e me ne vaco.
Alon.
Eccomi pronto. Giusto su questa tavola vi è tutto.
Pulc.
Embè, miettete a scrivere.
Alon.
Prima di tutto chi è la tua innamorata?
Pulc.
È Marcellina, la figlia de lo carceriere.
Alon.
(Oh, corpo del diavolo! Tutti devono amare Marcellina!)
Pulc.
Fonzo, m' aje da fa na cosa da paro tujo.
Alon.
(Oh, che bella occasione di spiegarmi con Marcellina! Invece della sua, scriverò per me una lettera e ce la farò portare con le sue mani).
Pulc.
Simme lesto?
Alon.
Lestissimo...
Pulc.
Scrive: « Bella, bella de la majorana... » Mo pare che scrivo na canzona!
Alon.
Scrivo majorana?
Pulc.
Gnernò, manca peperna « o bella mia ntrètella rosecarella »?
Alon.
(Scrivo invece: « O vaghe luci fulgide e sfavillanti! ») Ntrètella rosecarella... Mi piace la tua rosecarella!...
Pulc.
Te piacciono le rosecarelle!... Va trova quante te n' aje rosecate, anze: « mio casatiello mbottonato de passe ».
Alon.
Bravo, bravo! Mi piace! (il più fido adoratore pel vostro troppo merito), mbottonato de passe.
Pulc.
Miettece diece o dudece parentese nnante a li passe acciò non li toccano li guagliune « da che t'aggio visto so' restato comm' a na nnoglia ».
Alon.
Mi piace, mi piace! (Non fidandosi più penare tacendo) Nnoglia.
Pulc.
« Ti si la funicella che m' haje arravugliato comme a nu strummolo ».
Alon.
Mi piace strummolo.
Pulc.
Lo credo, pecché tiene la faccia de banchiera.
Alon.
(Mi rendo ardito e coraggioso in un punto), strummolo.
Pulc.
« Anze, comme a nu mazzo de sarcenelle ».
Alon.
Sarcinelli... sarcinelli.
Pulc.
Trenta nu carrino!... Mo pare che gghiammo vennenno sarcinielli.
Alon.
(E levandomi la maschera dal viso...) Sarcinelli...
Pulc.
« Vuò bene a chi more e squaglia pe te. Pulicenella Cetrulo ».
Alon.
Bravo! Quel cetrulo corona l'opera.
Pulc.
Miette Pulicenella nnanze e Cetrulo arrete, nu sbaglià.
Alon.
(Mi dico vostro amante: Alonzo Peripetros). Pulcinella Cetrulo. Va benissimo. Pieghiamola... Alle morbide e delicate mani della bella Marcellina Barretti. Eccoti la lettera.
Pulc.
Io mo nun saccio a che te lo rennere...
Alon.
Mi meraviglio! Quello che ti raccomando è di dirle a voce il fuoco, l'ardore, la smania che per lei ha provato, che l'invia questa lettera.
Pulc.
Lassa fa a me pe chesto; statte buono.
Alon.
Dille di più: quando sarà sposa, comanderà a suo piacere, disporrà a sua voglia, sarà l'assoluta padrona di tutto.
Pulc.
Chesto nce lo dico io: te ne vaje a mmalora.
Alon.
Che verrà a gettarsi ai suoi piedi, e baciarle la mano; che...
Pulc.
Mmalore fatte rompere li ggamme.
Alon.
Amico, se ti porterai bene e farai il tutto con esattezza, al mio ritorno, che sarà fra breve, voglio regalarti una piastra. Addio, mio incognito e fedele caduceo (via).
Pulc.
Ora vide comm' è affezionato! Nun sulo che m' ha fatto lu piacere, me vò rialà appriesso. Nun nce che dicere, ll'uommene de garbo se trovano a tutte le parte! Mò che tengo sta lettera stongo a cavallo.

SCENA IV.

PANGRAZIO e DETTO.

Pang.
Aggio fatto sta lettera amorosa a Marcellina, spiegannele lu bene che le voglio; ma me manca na perzona pe purtarcele. Oh, ccà sta Pulicenella a addò lo voglio trovà meglio de chisto? Simme quase paisane, e me farrà stu favore.
Pulc.
Oh! Schiavo, si' Pangrà.
Pang.
Buon giorno, Pulicenè.
Pulc.
Che baje facenne?
Pang.
E nun 'o ssaje? Mo aggio fernuto de spartere le razione a li carcerate e sò benuto a piglià nu poco d'aria. E tu che faje?
Pulc.
Lasseme stà si' Pangrazio nio; so' cchiù mbrugliato io, che nu cusetore che ha pigliato la mesura a no scartellato, che a lu taglià nun sape qua' so' li quarte de nante, e qua' chille de dereto
Pang.
Aje abbisuogno de n'amico?!... Che t'accorre? Fidete de me. Già saje che pe te sarrie capace de farme caccià nu pare d'uocchie de li tuoje.
Pulc.
Comm' a me, ca pe lo bene ca te voglie jarria nfaccia le cannonate a metraglie pe la panza toja.
Pang.
Di', che t'accorre? Ccà sta Pangrazio Cucuziello pe te.
Pulc.
Si, cucuziello mio, che pozza vedé a la scapece, mille grazie: li fatte mieje me li faccio io stesso.
Pang.
Comme?
Pulc.
Aje da sapé, ma ncunfidenza tra nuje, ca io so' nnammorato de Marcellina, la figlia de lu carceriere.
Pang.
Comme! Tu nnammorato de Marcellina!
Pulc.
E non avenno coraggio de nce lo dicere, m'aggio fatto scrivere da lu si Fonze, lo scrivano de li carcere, sta lettera amorosa, e mo che bene nce la consegna.
Pang.
(Oh, che bella occasione pe farle capità la lettera mia!) Pulicenè, tu m'aje date na consolazione nzuonno! Ma, dimme, tene buono carattere chistu lloco che te l'ha scritta? Si nò te ne faccio io n'auta.
Pulc.
Buono sicuro. Tè; addecreate, manco nu casadduoglio scrive accussì (dandogli la lettera).
Pang.
No nc'iaggio che ce dicere, veco la sopraccarta, che lo carattere è chiaro, e non po essere meglio; tiene (gli cambia la lettera con la sua). (Nce l'aggio fatte, nce l'aggio cagnata con la mia. Oh, comm'è ghiuto pulito!).
Pulc.
E teccola ca mo se ne vene; vattene si Pangrà.
Pang.
Vaco... Sàcciete arregulà; dille ca lu partito è buono; che na sciorta meglio de chesta non la po truvà, che non se la lassa scappà; che...
Pulc.
Oh, oh! Pangrà, e non me stunà tu pure: te pare mo, che io non saccio chello che l'aggia da dicere.
Pang.
Aje ragione; ma io nce sò mpignato come si chella lettere fosse la mia.
Pulc.
Obbregato. Vattenne mo.
Pang.
Vaco... Siente, dalle quanno lu fierro è caudo; e si vide c'anneje, nun t'abbelì, vatte cchiù forte, che a forza d'accettate cade nterra la cercola.
Pulc.
Vattenne, puozz' essere acciso, tu e quanta fell' 'e pane t'haje magnato.
Pang.
Vaco, vaco (m'annasconno da ccà derete pe bedé che ne succede). (si cela).
Pulc.
Chist' è n'auto buon' ommo comme a lo si Fonzo. Schitto chillu mpise d'Eugenio vò essere acciso! Teccatella; è proprio nu rammaglietto addoruso!

SCENA V.

MARCELLINA e DETTI, poi ALONZO in disparte.

Marc.
E D. Eugenio non è tornato ancora! Me pare mill'anne che bene chillo fato mio, e le dongo la mano de sposa.
Pulc.
(Ora anemo e core: lo nnammorato ha d'avé la faccia cchiù tosta de no paglietta mbruglione) Schiavo Marcellina mia.
Marc.
Addio, Pulecenella.
Pulc.
Che d' è? Te veco no poco malinconica!
Marc.
Sarraje pazzo; anze non c' è femmena cchiù contenta de me a sto momento.
Alon.
(Ah! ah! Pulicenella con Marcellina! Siamo al punto! Entriamo). (si cela).
Pulc.
Statte zitte, ca te voglio fa sta' io cchiù allegramente.
Marc.
E comme?
Pulc.
Te porte na lettera de lu nnammurato tujo.
Marc.
Na lettera? Ah, che sarrà?... Miette ccà...
Pulc.
Eccola ccà. Lieggele, e addecreate lu core, e fa quatte dete de lardo ncopp'a lu cuzzetto.
Marc.
Oh, lettera cara; te vaso e te revaso!
Pulc.
(Oh, bene mio; si a na lettera fa chello! E quanno sape che songh' io, li vase hanno da sciuccà comm' a grannole!).
Alon.
(L'apre! al primo verso resterà colpita. « Oh, vaghe luci fulgide e sfavillanti! »).
Pang.
(Ah! ca me ne sente ire nzuocolo pe la priezza).
Pulc.
(Jammoncenne « Bella mia ntretella rosecarella »).
Marc.
Leggimmo: « Oh barattolo doce de percucate ngranite ».
Pulc.
Gno?...
Alon.
(Che vuol dire questo?).
Pang.
(O magnam consolazionem!).
Pulc.
E sta percocata ngranita da dò cancaro è asciuta? Marcellì, liegge buono; avisse sbagliato? Ccà nc' hanno da stà cchiù de vinte nzerte de nucelle rusecarelle.
Marc.
E chesta è la lettera de lo nnammorato mio?
Pulc.
Chesta; liegge appriesso, ca mo vene 'o mmeglio.
Marc.
Vedimmo: « Tu si chillo chiuove che, nfeccato dinto a lo pietto me l'aje arredutto comme a na fica acchiette. »
Pulc.
Comme?... E lu casatiello co li passe, e la nnoglia addò cancaro sò ghiute?
Alon.
(Oh, corpo del diavolo! Quel briccone mi ha cambiata la lettera!).
Marc.
Ah! ah! Curiosa veramente! (ride)
Pang.
(Ride! Buon segno; l'è piaciuta l'espressione!).
Pulc.
Liegge, te guarde patete! Nc'iavesse rommaso a lo manco la funicella, lo strummolo, li sarcenielle?
Marc.
Leggimme: « Pe te sò addeventato no stonato, no pazzo, no cuccutrillo, né truvarraggio maie pace se non sarraje mio fino a la morte. Pangrazio Cucuzziello.
Pulc.
Qua' Cucuzziello? Vide buono, ha da essere Cetrulo.
Marc.
Gnernò, Cucuzziello.
Alon.
(Io crepo!).
Pang.
(Io ngrasso!).
Marc.
E tu, piezzo de babbasone, t'arreduce a fa lu mezzane a l'aute.
Pulc.
Oh! Mo so' pigliato pe portapollaste appriesse!
Marc.
Miettetenne scuorno, e non avé cchiù spirete de me cumparì de nanze!
Pulc.
(E chillo mbroglione de Fonzo che cancaro ave scritto!).
Alon.
(presentandosi) Ah, che non ne posso più. Senti indegno, o in questo punto cavi fuori la lettera che ora ti scrissi, o ti cavo l'anima.
Pulc.
Oh! Mo so' acciso pe ghionta.
Alon.
Presto, restituiscimi la lettera.
Pulc.
E la nnoglie, lo strummolo, addò cancaro l'aje puosto?
Alon.
Tu me l'hai cambiata.
Pulc.
Tu aje scritto fasulo pe pastenache!
Alon.
Mori!... (per bastonarlo).
Pulc.
Misericordia!
Alon.
Non sento.
Marc.
Chiano, pe carità!...
Pang.
(avanzandosi) Marcellina mia, lassele sventrà a loro e abbada a chi more e squaquiglia pe te.
Marc.
E bà a malora tu pure.
Alon.
E tu, bruttissima figura, hai avuto il coraggio di dichiararti amante di Marcellina ed inviarle una lettera? (a Pang.).
Pang.
Che maraviglia! Io songo ommo comme a tutte quante l'uommene,
Alon.
No, che non lo sei.
Pang.
E che songo?
Pulc.
Na cestunia de mare.
Alon.
Sei l'inimico del mio riposo, e come tale voglio soffocarti (lo prende Pang.) Ajuto.
Pulc.
Mo va buono, accide a isso, e lassa a me.
Alon.
Nò, voglio ammazzare tutti e due. (c. s.).
Pulc.
Lo vico de li tozzele mmalora!
Marc.
Nè, nè, dico... D. Alonzo, che manera de trattà è cheste?
Alon.
Bella, leggiadra, vezzosissima diva dell'alto Empiro. Essi sono i nemici che mi contrastano la mia conquista sospirata. Io vi scrissi una lettera spiegandovi il mio amore, e quel briccone, per favorire quest'altro, me l'ha cambiata.
Pulc.
Cioè, tu... chillo... cioè vuje duje... la lettera... io non pozzo appurà chi cancaro me l'ha cagnata.
Marc.
Quanno po è pe cheste, che site nfuriato, ve putite accuità, D. Alonzo mio, sentite chello che io ve dico.
Alon.
Già ne son sicuro, che il signor Alonzo è il preferito, che il signor Alonzo...
Marc.
Che lo si Alonzo non fa pe me, che lo core mio è mpignato, Lo stesso dico a st'auti duje ciucciune, acciò non me ncojetano cchiù.
Pang.
Pulecenè, ch' ha ditto?
Pulc.
Ha ditto ca tutt' 'e tre potimmo iro a passià a lo muolo.
Alon.
Comme! Un rifiuto al signor Alonzo Peripetros?
Pulc.
Piritos mio, pìgliate sta petrate e statte zitto.
Pang.
A Pangrazio Cucuzziello stu paccarone!
Pulc.
A Pulecenella Cetrulo stu secutonnosse.
Alon.
Ah! Donna ingrata, perfida, sconoscente.
Pang.
Ah! Donna cruda, crudela, crudelissima.
Pulc.
Ah! Donna de spada, de coppa e de denare.
Pang.
E che ha fatto?
Pulc.
No bazzicotto de tre donne.
Alon.
Parto, ma tardi ti pentirai del tuo rifiuto; e voi, ringraziate il cielo che sono senz' armi, ma però corro a prenderle: me ne darete conto sino all' ultimo sangue. Ma senti...
Parto crudel megera
Donna per me pantera
Nel ciel sereno, e oscuro,
Amanti te lo giuro
Non troverai qual me! (via).
Pang.
Il me ne vaco, ma sacce che no marito comme a me, non lo truovo, manche dinto a la smorfia de la bonafficiata! (via).
Pulc.
Siente, perchipetola, covernante, ma sacce che nu mascole de sta taglia poche nce ne stanne, e si vuò' lardo, a la poteca de stu casadduoglio l' aje da venì ad accattà (via).
Marc.
Ora vedite che sciurtone m'erano asciute. Ma, pe lu sole d'austo, ca si veneno n'ata vota, piglio la mazza de scopa e le rompe l'osse a quante cchiù ne songo!

SCENA VI.

ROCCO, EUGENIO e DETTO, indi DIESCO con scopa.

Rocco.
Addonca, aje ntiso figlia mia, chello ch' ha ditto Don Eugenio?
Marc.
Ch' ha ditto?
Eug.
Siccome lo gnore tene la podagra, non pò venì isso ccà...
Rocco.
E perciò jammo nuje addò isso.
Eug.
E tutte unite jammo da lu Nutare, a facimmo le carte.
Marc.
Oh, bene mio, e che priezza!
Rocco.
Tu frattanto, figlia mia, và t'arresedia, a fatte truvà vestuta mo che torno co D. Eugenio.
Marc.
Dinto a manco cinche minute sò lesta.
Rocco.
Embè, D. Eugè, jammo nfrattanto nuje addò lo notaro. Addò si Diesco: scopa bona sta cammera che hanno da venì ggente, e fa truvà tutte le cose all'ordene.
Eug.
Marcellina mia, nuje jammo... Ah, ca me pare mill' anne d'esserte marito! (viano).
Marc.
Ah, ca si veco spuntato stu juorno, non c'è femmene de cchiù contenta a sto munno. (via).
Diesco.
Se avessi inteso ciò che ha detto, avrei eseguito il tutto sul momento: ma hanno un maledetto vizio di parlare fra i denti e non farsi capire.

SCENA VII.

PULCINELLA di dentro, poi fuori e DETTI.

Pulc.
(di dentro) Oje de casa! Nce sta nisciuno?
Diesco.
E poi si lagnano, e dicono che io son sordo.
Pulc.
Dico: se pò o nun se pò trasì?
Diesco.
Ma giuro a bacco che farò valere le mie ragioni.
Pulc.
Mmalora nzurdiscelo; pozzo o nu pozzo mpezzarme?
Diesco.
Ma me l'ho posto in testa che finirà male questa faccenda.
Pulc.
Vi' ca i' traso?
Diesco.
Intanto spazziamo questa camera che tutto è in disordine!
Pulc.
Ora trasimmo a bonora (entra). Puozz' essere acciso. Staie lloco comma a na bestia e nu rispunne.
Diesco.
Dico, malcreato, chi ti ha insegnato di entrare in casa degli altri, senza prima bussare o dare una voce?
Pulc.
La nasceta toia; tu m' he' fatto struiere miezo cannarone.
Diesco.
Sei mascalzone, lo vedo; che sei venuto a fare, qui dentro?
Pulc.
So' benuto a truvà Marcellina.
Diesco.
Sei venuto a trovare una gallina? Qui non ve ne sono volate.
Pulc.
Nò, vac' ascianno capone.
Diesco.
Vai cercando il padrone?
Pulc.
Chisto che rrecchie tene.
Diesco.
Padron mio abbiate la bontà di partire. La casa è in mia custodia e non deve venirci nessuno.
Pulc.
Ma io nce so' benuto pe n' affare.
Diesco.
Siete venuto a fare il compare? Oh, corpo di cento cannonate! Come! Come! Marcellina si fa di già sposa?
Pulc.
E chesto, chi te l'ha ditto, vurria sapere?
Diesco.
Volete vedere? Accomodatevi; come compare siete il padrone.
Pulc.
Dimme na cosa; tu tiene recchie o presotte?
Diesco.
La sedia è rotta? Oibò, è sana, vedete.
Pulc.
Mo cu nu caucio le sfonne le segge e me ne vaco.
Diesco.
Mi dica, di grazia, signor compare: le nozze quando si faranno?
Pulc.
Se ne parla a luna chiena.
Diesco.
La sposa è prena? Oh, corpo del diavolo; lo sapete di certo?
Pulc.
Oh, arruinato me; tu ce siente o nun ce siente?
Diesco.
Padron mio, non gridare tanto forte, ché non parlate con sordi.
Pulc.
Tu nun siente manco la ccannunate. Io vaco ascianno a Marcellina.
Diesco.
Ah, Marcellina!
Pulc.
Manco male c' ave ntiso na parola.
Diesco.
Vi fa male una mola?
Pulc.
Oh, che castigo è chisto, pe me pover'omme. Amico, si me vuò sentì, bene, si no te lasso e me ne vaco.
Diesco.
Siete ubbriaco?
Pulc.
Oh, povera capa mia.
Diesco.
Bon'omme non p'infastedite; parlate piano che io vi capisco.
Pulc.
Io voglio sapé se Marcellina nce stà o no.
Diesco.
È giusto; qui non ci stà (gridando).
Pulc.
Oh, malora, m'ha pipliato pe surdo a me pure. Me sapisse a di' che se n'è fatta?
Diesco.
Piano, piano, che sento. È andata dentro da poco. Ma voi che pretendete da Marcellina?
Pulc.
Resta nfra de nuje: la voglio bene e voglio vedé de capacitarla a l'ammore mio.
Diesco.
E così, che volete da Marcellina?
Pulc.
E nu te l'aggio ditto ca squaglio pe essa e la voglio pe mugliera?
Diesco.
Ma che siete sordo? Che volete fare voi di Marcellina, vi ho detto.
Pulc.
Me lo ceco ll' uocchie e lu faccio surdo e cecato.

SCENA VIII.

PANGRAZIO di dentro, poi fuori, e DETTI.

Pang.
(di dentro) Dico, nc'è nisciuno? Pozzo o nu pozzo trasì?
Pulc.
Seh, cancaro, la voce de Pangrazio. Vide addò me può annasconnere, ca nu me voglio fà vedé da chisto che vene.
Diesco.
State poco bene?
Pulc.
Sto lu cancaro che te roseca.
Diesco.
Lasciatemi vedere il polso; io me ne intendo.
Pulc.
Mò le sono nu paccaro e le rompo 'e mascelle.
Diesco.
Avete un fracasso nelle budella?
Pang.
(come sopra) Ma che site surdo. Gente nce ne stà o nu nce ne stà cca dinto.
Pulc.
Sapesse addò m'annasconnere. Siente, cammarà, io me metto sotto a sta tavola, ma vide d'abbiarennillo ca te rialo (si nasconde).
Diesco.
Cosa significa questo imbroglio, io non capisco.
Pang.
Non c'è tiempo da peredere (fuori); amico, annascunneme a qualche parte, ca io sto cu la morte ncoppa a lu cuzzetto.
Diesco.
Volete un calzonetto? Ma qui non ce ne ho.
Pang.
Tu che diavolo dici? Me voglio sarvà la pella...
Diesco.
Volete una tiella? Che l'avete presa per osteria; qui non abbiamo queste cose.
Pang.
Oh, puveriello a me. Chisto è surdo. Annascunneme, si no so' acciso (gridando)
Diesco.
Parlate piano, non mi stordite. Volete nascondervi per non essere ucciso?
Pang.
Ma priesto, si no non simmo cchiù a tiempo.
Diesco.
Ma, io per me non so dove nascondervi.
Pulc.
(Vide de farlo menà abbascio a lu puzzo).
Pang.
Ogne luogo è buono. Aspetta, mò m'annasconno sotto a sta tavola.
Diesco.
No, aspettate...
Pang.
Non c'è tiempo da perdere; ccà sotto sto buono (alza il tappeto).
Pulc.
Padrone mio.
Pang.
Mio signore riverito. E tu ccà sotto che faje?
Pulc.
Steve covanno; si' benuto tu, e maie sconcecato.

SCENA IX.

ALONZO di dentro, poi di fuori, e DETTI.

Alon.
Ah, ca mo se ne vene.
Pulc.
Mo simmo accise tutte e duje ncummertazione.
Diesco.
Volete un lampione?
Pulc.
Statte zitto, lanterna mageca.
Pang.
Ccà sotto stamme buono tutte e duje.
Pulc.
E stammo astritte.
Pang.
Arremmediammo alla meglio. Strignete (si nascondono).
Alon.
(fuori) Se li trovo, l'ammazzo, l'ammazzo.
Pulc.
(A chi ammazza 'o piecoro).
Diesco.
Oh, vedete, chi mi fa trovare in questo imbroglio.
Alon.
Uno qui dev'essere entrato.
Diesco.
Misericordia! Cosa cercate in questo luogo?
Alon.
Voglio il maestro di razione.
Diesco.
Volete una colazione?
Pulc.
Mo faie marenna!
Alon.
Voglio un mio rivale.
Diesco.
E qui volete il vostro stivale?
Alon.
Il mio nemico, lo devo ammazzare.
Diesco.
Qui non vi sono nemici.
Alon.
Esso al certo qui è entrato!
Diesco.
Sarà scappato, ma io non l'ho veduto.
Alon.
Oh, potere del mondo! Farò una rovina: egli qui dev'essere e voi dovete consegnarlo.
Diesco.
Qui non c'è né Carlo né Pasquale. Abbiate la bontà di andar via.
Alon.
Io non andrò via se prima non ammazzo Pangrazio!
Pulc.
(Pangrà, vattene, ca chillo va p' accidere a tté, e accide a me pe scagno).
Pang.
(Diavolo fatte murì co li funge).
Pulc.
(E a te co li maruzze).
Alon.
Dichiararsi mio rivale in amore; nascondere la mia lettera! E morto con lui è ancora Pulcinella.
Diesco.
Porta li stampella; chi?
Alon.
Porto il Diavolo che ti strascina.
Diesco.
Oh, guardate che prepotenza. Voi che pretendete, che devo fare una quartina? Ma, sono ballerino, che devo fare una quartina?
Alon.
Ma profitterò di questa occasione, per vendicarmi dell'ingiuria. Via, senza perdere tempo, chiamatemi Marcellina.
Diesco.
Venite dalla cantina? Me ne sono accorto dalla maniera con cui entrate in casa degli altri.
Alon.
Chiamatemi Marcellina, prima che venga il padre, ché non voglio avere a che fare con quel Satiro indemoniato.

SCENA ULTIMA

ROCCO, EUGENIO, e MARCELLINA da dentro poi fuori e DETTI.

Rocco
(di dentro) Ho inteso, ho inteso! Mettite chilli paccotte a lu pizzo suio, e dicitele che veneno dimane pe la risposta.
Alon.
Corpo di Satanasso, il carceriere.
Diesco.
Volete il barbiere?
Pulc.
(Pangrà, o' calannario mette varrate).
Pang.
(Aute che varrate: mette scannaturate).
Alon.
Se egli mi vede, m'inquieta di sicuro. Nascondimi in qualche parte.
Diesco.
Volete giocare alle carte?
Pulc.
(Nò, vò iucà pure a nnasconnere).
Alon.
Ohimé. Non sono in tempo... dove vado.. che io... Oh, bravo: sotto di questa tavola son sicuro (scopre).
Pulc.
Tu quante ne vuò fa nnasconnere cca sotto?
Alon.
Oh, corpo di centomila cannonate. E voi qui sotto cosa fate?
Pulc.
Mpizzete mò, ca po' parlammo.
Alon.
Ma prima...
Pulc.
E mpizzete, ca po' chiacchiarie.
Pang.
Pulicenè, pe nce trasì nce vurria na botte 'e forma spaccata.
Pulc.
E strigne, a bonora, ca la trubbea nc' è ncuollo.
Alon.
Maledetta sorte! Ma non sempre sarà in vostro vantaggio (si nascondono).
Diesco.
Io non arrivo a capire che gioco è questo.
Rocco
(fuori) Priesto, priesto Diesco: stu giovane dice che t'ha dato a stipà lu palo de fierro e la zappa.
Diesco.
Volete la pappa?
Pulc.
(Nò: vò duje file de vermicielle).
Rocco
(forte) Aggio ditto lu palo de fierro, la pala e la zappa.
Diesco.
Eh, eh, parlate piano, quando volete essere servito; io sento anche le mosche (entra, poi torna).
Pulc.
(Cancaro, a ogne parola nce vò na mbomma).
Pang.
Pulecenè, a che le servarrà lu palo de fierro e la zappa?
Pulc.
Pe nce scavà da sotto a uso de taratufole.
Alon.
Acchetatevi, maledetti.
Rocco.
Figlia mia, lu pate, D. Eugenio, nzieme cu nuje ha firmato le carte; mo schitto la firma toja nce manca.
Pulc.
Fatte cchiù llà, ca io esco da fore.
Pang.
E che, songh' io? È lu zio Alonzo che me votta (nello spingersi tra loro, urtano il tavolino e fanno rumore).
Diesco.
Ecco qua tutto; porta il tavolino.
Rocco.
Bravo onne figlia, nzerra la porta e biene.
Pulc.
Bonanotte! E nuie da do cancaro ascimmo?
Rocco.
Diesco, chi sta annascuso?
Diesco.
Volete un fuso?
Pulc.
E statte cuieto.
Alon.
Finiscela.
Pulc.
E simmo da capo.
Rocco.
Ma io me voglio assicurà, sicuramente, che non me nganne (scopre). E chiste, chi songo?
Pulc.
Tre surice dinto a nu mastrillo.
Rocco.
Signure mieje, che facite cca sotto.
Pulc.
Stevemo piglianno li stufe.
Pang.
Pulicenè, che n'esce de sta strazzione?
Pulc.
Na mazziata de primmo estratto.
Alon.
Maledetto amore, mi fai provare vergogna e dolore. Signori, io non trovo alcuna ragione per nascondere i miei sentimenti: io sono venuto perché amo Marcellina.
Pulc.
Coraggio.
Rocco.
E tu?
Pang.
Per Marcellina.
Rocco.
E tu?
Pulc.
Pe Marcellina, e mo avimmo na bona vertolina.
Rocco.
E benite dint' a casa de n' ommo onesto e v'annascunnite tutte 'e treje sotto a la tavola?
Pulc.
E tu n' ata vota fa tre tavole, accussì ognuno se piglia 'a soja e bonanotte.
Alon.
Oh, Rocco, poche parole. Voglio Marcellina per sposa e non me la devi negare, perché la voglio e quando la voglio, la voglio.
Pang.
Ed io de parte mia voglio bene a Marcellina; 'a farraggio fa' 'a signora, se me la date in isposa.
Rocco.
Signure mieje, io mò me veco confuso da tanta ubbricazione. Ma, trattannose de figliema, v'ha da risponnere essa. Marcellì', chi vuò pe marito?
Pulc.
Sulo a me, n'è overo?
Marc.
Tu, cchiù de ll' ate, me si' antipatico.
Rocco.
Addonga, signure miei, siccome la sposa aveva da essere essa e v'ha licenziate, mo spetta a me, comm' a pate, de dirve che nu mettite cchiù 'o pede cca dinto, si no ve rompo ll'ossa a quante site.
Eug.
Io, cumme a zito de la sposa, ve dico de nu guardarla cchiù nfaccia, si no, povere a ll'osse voste.
Pang.
Pulecenè, tu te ne rentienne de marcia sfurzata?
Pulc.
Vi' che addimanna! Io faccio nove miglia all'ora.
Rocco.
Mo che avite ntise la sentenza vosta, iatevenne.
Alon.
Si, partiamo, ma pria dicasi, a nostro scorno, che
Tre amanti stupidi
Ciascuno d'amor percorso
Quai mastini avidi
Stavano in faccia a un osso
E quando a sera ambivano
Quell'osso di toccare
Ottennero per premio
Un lume a smoccolare.

F I N E


Estratto dal Catalogo dell'Edizioni BIDERI S. p. A.

GALDIERI R. - 'O NIEVO (Bozzetto drammatico dialettale).

GUARINI CARLO - MADAMA QUATTRO SOLDI, con Pulcinella marito disperato e tormentato dall'Art. 230 del Codice Civile. (Commedia in tre atti).

MUROLO E. - 'A STORIA 'E ROMA (Sonetti dialettali).

ONOFRI G. - OMICIDA (Bozzetto drammatico napoletano).

IL TEATRO DI ANTONIO PETITO

SO MASTO RAFAELE e non te ne ncarricà (Commedia in un atto).

NA LOTTERIA ARFABETICA a lo Gran Magazzino de Chentres, con Pulcinella valente spazzino (Commedia in un atto).

UNA SECONDA MUTA DI PORTICI (Commedia in quattro atti).

LA DONNA CON LA BARBA (Commedia in un atto).

NA BELLA ELENA, bastarduta nfra lengua franzesa, tuscana e napolitana (Commedia in due atti).

PASCARIELLO SURDATU CUNGEDATO creduto vedova e nutriccia de nu piccerillo (Commedia in un atto).

NA MMESCA FRANGESCA DE MBROGLIE E FRACASSE PE NU MUORZO NCOPPA A NA MANO; con Pascariello Scarnecchia servo ignorante e nnammurato pazzo de na vaiassa (Commedia in due atti).

'A CANNUNATA 'E MIEZIUORNO e l'arresto all'una di D. Asdrubale Barilotto p' avè tagliata 'a capa a D. Teresina a 'o Vico 'e Campane. Con Pulcinella servo sciocco e pittore de l'aria Catalana (Commedia in tre atti).

DON PASCA', « PASSA 'A VACCA » E « FA ACQUA 'A PIPPA » con Pulcinella falegname affamato. (Commedia in tre atti).

NU « MATRIMONIO SEGRETO » IN MUSICA E NU « MATRIMONIO SEGRETO » IN PROSA; con Pancrazio e Pulcinella creduti cantanti di cartello. (Commedia-parodia in un atto).

NU SURDE, DDUIE SURDE, TRE SURDE, TUTTE SURDE!..., con Pulcinella finto sordo pe necessità dint' 'a na famiglia de surde a pusticce (Commedia in un atto).

Richieste all'Edizioni BIDERI S. p. A. - Napoli


Quest'edizione digitale preparata da Martin Guy <martinwguy@gmail.com>
Prima edizione digitale: 15 giugno 2002. Ultima revizione: 28 dicembre 2005.