Edgar Pöe
Il Corvo

Traduz. di Antonio Bruno
A cura di Salvo Tomaselli


A BRUNO CORRA
MIO MAESTRO ED AMICO


Prefazione

Con dolore mi accingo a tracciare queste poche righe di prefazione, che, ad opera compiuta, dovevano essere scritte dallo stesso sventurato traduttore.

Si è giustamente detto che la grande poesia lirica non si traduce, perchè l'idea, il sentimento, il suono difficilmente da una lingua possono essere portate in un'altra.

Antonio Bruno, anima affine a quella di Edgar Pöe, rappresenta una rara eccezione nella letteratura, perchè è riuscito a far suo il contenuto poetico del grande artista americano e presentarlo vivente.

Quel costruire sul nulla, che è nel «Corvo», e quella musica allucinante e patetica della quale è pervasa questa funebre canzone del rimpianto, e quell'originalità che rese celebre il nome del suo autore, tutti questi complessi elementi insieme, il Bruno è riuscito a renderli mirabilmente nella sua traduzione componendoli idealmente in quella unità che spesso si cerca invano nelle traduzioni delle vere opere d'arte.

Egli vi è riuscito nonostante si presentassero molte difficoltà per la ritmica agile e misteriosa dell'originale.

Edgar Pöe è stato uno dei poeti più amati da Antonio Bruno, e come lui fu un perseguitato dal destino, dall'incomprensione e dal provincialismo dei suoi conterranei.

*
* *

Il capolavoro di Edgar Pöe è «Il Corvo».

Fu composto verso il 1844.

Insieme con «A Elena» e con altre liriche forma il volume, pubblicato dallo stesso autore nel 1845, «Poemi dell'età matura».

Catania, ottobre 1932

SALVO TOMASELLI


Quest'edizione digitale preparata da Martin Guy <martinwguy@gmail.com>.